21 ottobre – Il potere trasformato in servizio. Commento al Vangelo

21 ottobre – Il potere trasformato in servizio. Commento al Vangelo

m-teresa-1 “Allora Gesù, chiamatili a sé, disse loro: Voi sapete che coloro che sono ritenuti capi delle nazioni le dominano, e i loro grandi esercitano su di esse il potere. Fra voi però non è così; ma chi vuol essere grande tra voi si farà vostro servitore, e chi vuol essere il primo tra voi sarà il servo di tutti”. Dopo quello sul denaro, il vangelo di questa domenica ci fa conoscere il giudizio di Cristo su un altro dei grandi idoli del mondo: il potere. Neppure il potere è intrinsecamente cattivo, come non lo è il denaro. Dio è definito lui stesso “l’onnipotente” e la Scrittura dice che “il potere appartiene a Dio” (Sal 62, 12). Poiché, però, l’uomo aveva abusato del potere a lui concesso, trasformandolo in dominio del più forte e in oppressione del debole, che cosa ha fatto Dio?

Per darci l’esempio, si è spogliato della sua onnipotenza; da “onnipotente”, si è fatto “impotente”. “Spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo” (Fil 2, 7). Ha trasformato la potenza in servizio”. Per leggere la scheda completa del Commento clicca QUI

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>