Category Archives: Piccole storie

Un violinista nella metropolitana

Un violinista nella metropolitana

C’era un musicista che suonava in strada all’ingresso della fermata della metropolitana “L’Enfant Plaza” in Washington DC. Era una mattina fredda, di gennaio.

Suonò musiche durante quarantacinque minuti. Incominciò con Bach, poi l’Ave Maria di Schubert, musica di Manuel Ponce, di Massenet e di nuovo Bach.
Erano quasi le otto del mattino: era un’ora di punta, passavano davanti a frotte le persone, quasi tutte dirette al loro lavoro.
Dopo tre minuti, un uomo di mezza età si accorse del musicista. Rallentò il suo passo, si fermò alcuni secondi e riprese il cammino. Un minuto dopo il suonatore ricevette il suo primo dollaro; senza fermarsi, una donna lanciò un banconota nella cassa del violino.

Leggi il resto dell’articolo…

Lo studente e l’anello

Lo studente e l’anello

Un alunno presentò al suo professore un problema: “Sono qui, professore, perché sono tanto debole, e non ho la forza per fare niente. Dicono che non servo a nulla, che non faccio bene niente, che sono lento e multo stupido. Come posso migliorare? Che posso fare per valorizzarmi di più?”.

Il professore senza guardarlo, disse: “Sono molto spiacente mio caro, ma ora non posso aiutarti, devo prima risolvere il mio problema. Forse dopo. E facendo una pausa parlò: Se mi aiuterai, potrò risolvere il mio problema con più rapidità e dopo forse potrò aiutarti a risolvere il tuo”.

Leggi il resto dell’articolo…

Il pacchetto dei biscotti

Il pacchetto dei biscotti

Una ragazza stava aspettando il suo volo in una sala d’attesa di un grande aeroporto. Siccome avrebbe dovuto aspettare per molto tempo, decise di comprare un libro per ammazzare il tempo. Comprò anche un pacchetto di biscotti. Si sedette nella sala VIP per stare più tranquilla.

Accanto a lei c’era la sedia con i biscotti e dall’altro lato un signore che stava leggendo il giornale. Quando lei cominciò a prendere il primo biscotto, anche l’uomo ne prese uno; lei si sentì indignata ma non disse nulla e continuò a leggere il suo libro. Tra sé pensò: “Ma tu guarda, se solo avessi un po’ più di coraggio gli avrei già dato un pugno…”.

Leggi il resto dell’articolo…

Dio, una realtà non tangibile

Dio, una realtà non tangibile

Durante una lezione, un professore lanciò una sfida ai suoi alunni con la seguente domanda: “Dio creò tutto quello che esiste?“ Un alunno rispose con coraggio: ”Sì, Lui creò tutto…“ “Realmente Dio creò tutto quello che esiste?” domandò di nuovo il maestro. Sì signore, rispose il giovane. Il professore rispose: “Se Dio ha creato tutto quello che esiste, Dio ha fatto anche il male, visto che esiste il male! E se stabiliamo che le nostre azioni sono un riflesso di noi stessi, Dio è cattivo!”

Leggi il resto dell’articolo…

Maestri saggi e madri pazienti.

Maestri saggi e madri pazienti.

Abitava dall’altra parte dell’India e col bambino aveva viaggiato una settimana per parlare con Gandhi: <<Maestro, mio figlio mangia troppo zucchero! Potrebbe spiegargli perché non deve farlo? Io e mio marito abbiamo provato di tutto, ma non ci ascolta… A lei darà ascolto!>> . << Torna tra due settimane!>>, si era sentita dire.

Leggi il resto dell’articolo…